antologia

ELFO CUORE DI CRISTALLO di Francesca Petazzo

L’Elfo Cuore di Cristallo volava nel bosco, i raggi del sole lo facevano brillare di mille colori.

Incuriosito, si adagiò su un ramo d’abete ad osservare due bimbi che con i genitori stavano facendo colazione sull’erba, felici di assaporare un delizioso pic-nic in famiglia.

Unitamente, i bambini alzarono la testolina ricciuta per ammirare il panorama. Ad un tratto meravigliati, adocchiarono su un ramo una piccola sfera che cambiava continuamente colore.

Avvisarono i genitori che non diedero alla sfera importanza alcuna, supponendo che fosse un mero riflesso di luce tra gli alberi. I bimbi, bisbigliando tra di loro si dissero: «Secondo Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,

EQUINOZIO DI PRIMAVERA di Marilena Pisano

Una mattina di marzo, ma non un giorno qualsiasi, era il mio compleanno. Sono nata il giorno dell’Equinozio di Primavera, nel momento esatto in cui sorge il sole.

Mia nonna mi ripeteva di continuo che ero speciale, poiché le bambine che nascono in quel giorno, a quell’ora, e con gli occhi verde bosco tempestato di pagliuzze dorate, hanno doti speciali!

Secondo mia madre, ero invece solo una piccola, adorabile pestifera bambina. Non le si poteva dare torto, il mio spirito birichino mi spingeva a girovagare nei boschi la mattina di buonora, anche prima di andare a scuola; avevo voglia di Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,

IL BOSCO MAGICO di Teresa Zangari

Una bambina di nome Sara ricevé, al suo ottavo compleanno, una bambolina fatta di pezza, un regalo di suo padre. Lei subito le si affezionò, volendole bene a tal punto da portarla sempre con sé anche a scuola. Divenne la sua amica del cuore.

Un giorno che era in ritardo, Sara mise i suoi libri nella cartella ed anche Dolly, ma dalla fretta di giungere in tempo a scuola non chiuse bene lo zaino.

Una colazione veloce e poi via di corsa, il suo papà le aveva insegnato una scorciatoia per essere sempre puntale: doveva attraversare una stradina in un Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,

IL DONO DELLE QUATTRO FATE di Anna Maria Scifo

Un castello abbandonato possedeva un parco enorme. In fondo ad esso, si snodava la strada che conduceva al paese, una strada molto trafficata per via dei contadini che la percorrevano per portare i propri prodotti al mercato. Alcuni provavano un po’ di timore perché una leggenda narrava che, all’epoca in cui era morto l’ultimo proprietario del castello, costui aveva lasciato come eredità alla popolazione quattro Fate, alcune buone ed altre un po’ birbanti, assai volubili nel comportamento e nella loro benevolenza nei confronti degli abitanti del paese.

Le Fate avevano il compito di osservare i vari modi di agire delle Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,

IL PAPERO MAGICO di Alessia Nanni

C’era una volta una Principessa buona e tanto sensibile, aveva i capelli lunghi e rossi, due grandi occhi verdi e si chiamava Arianna. Viveva in un castello magico alla foce di un fiume, dove la notte tutti gli oggetti si animavano per danzare e parlare tra loro.

Un giorno il Re suo padre decise di darla in sposa, così convocò tutti i potenziali pretendenti alla sua mano. Alla triste Principessa nulla importava di maritarsi perché non voleva lasciare il suo Regno e, soprattutto, il calore e lo sconfinato Amore dei suoi genitori, ma costoro decisero questo per la sua felicità.Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,

INCANTESIMI D’AMORE di Rosanna Luporini

L’esame di fine d’anno di Magia si sarebbe tenuto il giorno del Solstizio d’Estate, in gran segreto nel Salone dei Festeggiamenti, e tutti si aspettavano strabilianti incantesimi e una bellissima festa a seguire.

Si poteva contare una lunga lista di aspiranti Fate che avrebbero senz’altro partecipato, e si auspicava che tutte le Fate di rango sarebbero intervenute. Anche Amina, all’ultimo anno di Corso, stava per fare la sua apparizione pubblica tra le Fate ufficiali o almeno lo credeva…

Amina e Gordo, un gatto nero ghiotto di dolci, erano entrambi orfani e vivevano insieme praticamente da sempre, tanto che non si Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,