ELFO CUORE DI CRISTALLO di Francesca Petazzo

L’Elfo Cuore di Cristallo volava nel bosco, i raggi del sole lo facevano brillare di mille colori.

Incuriosito, si adagiò su un ramo d’abete ad osservare due bimbi che con i genitori stavano facendo colazione sull’erba, felici di assaporare un delizioso pic-nic in famiglia.

Unitamente, i bambini alzarono la testolina ricciuta per ammirare il panorama. Ad un tratto meravigliati, adocchiarono su un ramo una piccola sfera che cambiava continuamente colore.

Avvisarono i genitori che non diedero alla sfera importanza alcuna, supponendo che fosse un mero riflesso di luce tra gli alberi. I bimbi, bisbigliando tra di loro si dissero: «Secondo me è un Elfo, ma non lo diciamo a papà e mamma perché non ci credono, i grandi non riescono a capire e chissà cosa potrebbe succedere al nostro amico Elfo. Teniamo il segreto tra di noi.»

L’Elfo, che vantava il potere di ascoltare i discorsi degli Uomini, volò via contento di essere stato protetto da quelle due piccole anime pure ed ingenue, pensando che, in fondo e fortunatamente, qualcosa di bello e magico fosse rimasto anche nel mondo degli Umani.

Più tardi, si fermò vicino ad un ruscello dove, a fior d’acqua, galleggiavano delle ninfee e si riposò su una di esse; dopo un po’, scorse un’altra ninfea avvicinarsi alla sua. Dentro, c’era la Fata Lilibel che si pettinava armoniosa i lunghi capelli con ramoscelli d’albero.

Felice di rivederla, Cuore di Cristallo dichiarò alla Fata: «Da sempre ti amo, Lilibel. Ti prego, permettimi di abbracciarti almeno una volta!»

Emozionata e commossa, Lilibel gli volò tra le braccia. Cuore di Cristallo la strinse talmente forte che, da solo, si frantumò e ricadde sulla ninfea in un pulviscolo scintillante.

Lilibel lanciò un grido di terrore e iniziò a sbattere freneticamente le ali: «Devo cercare aiuto! Cosa posso fare per lui!»

D’istinto, si diresse alla cascina delle api che ripetevano in continuazione: «Quanto lavoro! Quanto lavoro!» Lilibel entrò senza essere notata e raggiunse la Regina che si risentì per quella sfacciata intrusione.

Totalmente in lacrime, la Fata si gettò ai suoi piedi e la supplicò di aiutarla a salvare Cuore di Cristallo. La Regina impietosita, chiamò tutte le api a raccolta e comandò loro di seguire la Fata, portandosi dietro cera e miele poiché c’era un lavoro molto delicato da portare a termine.


Advertisment

loading...

Lilibel e le api, giunsero alla ninfea che scintillava dei colori di Cuore di Cristallo.

Le api, operose ed attente, raccolsero il pulviscolo luminoso unendolo con zelo alla cera e al miele, e ricostruirono così Cuore di Cristallo. Quanta gioia! Finalmente Lilibel e l’Elfo poterono abbracciarsi senza alcun pericolo.

In quel bel lieto fine, l’Elfo volle fare qualcosa per i bambini che avevano mantenuto il suo segreto così, in mezzo all’erba, insieme alla Fata nascose quella stessa ninfea, impreziosendola con un dono speciale.

Essi la trovarono pressoché all’istante, avendo udito un soave ed irresistibile richiamo che li aveva condotti fin lì: era la voce della Fata Lilibel che aveva sussurrato nel vento la sua storia d’Amore con Cuore di Cristallo. Loro erano in grado di ascoltarla, giacché avevano mantenuto il cuore puro e credevano nella Magia dei Boschi, conservando viva la loro fantasia e il loro animo innocente.

Senza raccontare alcunché ai genitori, i bimbi infilarono la ninfea dentro il loro piccolo cesto ormai vuoto della colazione e, ritornati a casa, nella loro cameretta cercarono un posto segreto per quel bel fiore che profumava di miele e, al centro, aveva un piccolo cristallo luminosissimo.

I bambini crebbero ed anche loro ebbero dei figli; quando questi ultimi esageravano con i capricci, i genitori tiravano fuori la ninfea che non sfioriva mai, e raccontavano la Favola del Bosco con gli Elfi e le Fate, fino a che i bimbi non si addormentavano sereni, inebriati dal profumo del miele e dal magico scintillio del cristallo, donati dalla Fata Lilibel e dall’Elfo Cuore di Cristallo.

 

Da una storia vera, con un lieto fine celeste… le anime di Lilibel e Cuore di Cristallo continueranno a vivere nei cieli, e nei cuori delle persone care rimaste sulla Terra, che sempre li amano, e sempre li ameranno. Buon compleanno, Mamma…


© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

Tag:, , , , , ,



loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *