Poetizzando…


Paura di un Desiderio…

barra_titolo_roseluna stellata

barrabarra_rose_5barra_rose_5

Osservavo da lontano, quella Luna brillante, intera, intensa
adagiata su un manto di quel blu così vivo
puntellato da una miriade di scie luminose
talmente veloci e abbaglianti…
e pensavo a quale fosse il mio desiderio
il mio vero, reale desiderio, tra tutti.
Bastò poco, per rendermene conto.
Una parola, un nome.
Sbalzato di getto, senza coscienza, senza pensiero
così, direttamente dalla mia Anima…
Eppure, così potente, e bruciante, quel desiderio…
che tutte quelle Stelle, in un soffio
in un attimo cadute dal Firmamento e quel desiderio, inespresso…
rimasto sul bordo delle mie labbra
come un refolo di vento
sbarrato d’improvviso
dalla sommità di un albero frusciante che in altra forma,
ne prosegue il sibilo
trasformandolo in un eco frastuono…
e così sulle mie labbra quel nome inciso, impronunciato, taciuto
il timore che dividendolo da esse, possa fuggire nell’eco
trasformarsi, andare, correre lontano
e non far mai più ritorno
o tornare diverso
diverso da come lo avevo sempre sognato, custodito…
e svanire…
La paura di un desiderio…
rimasto sul fiore della mia bocca
di un sottile impalpabile, legato, quasi posato
vaporosamente…
Sì è ancora lì, sempre stato lì, mai pronunciato, mai invocato
soltanto sognato.

barra_titolo_rose2

Siren Song

barra_titolo_rosesirenabarra

barra_rose_5

Ho atteso a lungobarra_rose_5
in questo angolo di mare
chiedendomi cosa fosse l’Amore,
che passasse l’Amore
tentando di riconoscerlo.
Mi sporgevo oltre gli scogli
ma vedevo soltanto dei marinai
pronti a trascinarmi al largo
per poi lasciarmi in alto mare
dopo avermi conosciuta…

Sei passato Tu
che navigavi per mare,
sul tuo veliero eri sempre seduto
in disparte che mi osservavi,
osservavi le mie movenze
i miei silenzi
le mie tristezze
sempre discreto
mai invadente.

È stata la prima volta che mi sono guardata intorno,
quando non ho più scorto il tuo veliero
ho voltato lo sguardo lontano dal mare
per cercarti.
Lì, sulla terraferma
ho visto uno straniero dagli occhi neri
che mi cercava
e mi sono lasciata portare via
senza chiedermi più
cosa fosse l’Amore,
dove fosse l’Amore
senza chiedere più…

la mia risposta sei Tu

barra_titolo_rose2

Colorando il grigio…

barra_titolo_rosecolorabarra

barra_roseMi accingo, a colorare questo nuovo annobarra_rose
spazzando via le tristezze, i dubbi ed i malesseri
senza coprire il grigio ma semplicemente, colorandolo…
tramutando tutto quel che di negativo, e di amaro, di angustiante…
in qualcosa di meraviglioso,
guardare il grigio con occhi di colore, guardarlo
come se non ci fosse null’altro di più bello, a questo mondo
e vedere, e sentire, e sognare, ovunque…
sempre e solo l’arcobaleno…
ed ogni giorno un colore
ogni giorno, un’esperienza irripetibile, da vivere,
nuova, sempre nuova ma magnifica
solo ed esclusivamente, magnifica…
fino a completare, perfezionare questo cangiante e prezioso dipinto
che è la mia vita…
Prendete anche voi, la vostra tavola di colori
e colorate insieme a me
dipingete anche voi la vostra opera d’arte, unica, ineguagliabile
colorate la vostra vita, i vostri sogni
amate, gioite, ma soprattutto… VIVETE

barra_titolo_rose2

Il Principe Blu…

barra_titolo_roseprincipe blu

barra

barra_rose_5

barra_rose_5

Principe con le sembianze di un Angelo, scuro…
sulla linea sottile, cammini… e voli…
al di sopra del Bene e del Male
impermeabile ma nel paradosso,
miscelato di Bene e Male.
Ali scure che brillano, scintillano di magia ed ebrietà…
occhi scuri ma intensi, intensissimi…
fulgidi persino nella loro cupezza
abbaglianti accecanti…
Tu, attorniato dal blu della tua Anima,
corona di candidi petali, di rose iridescenti…
di inquietanti simboli che raffigurano la tua più perfida Essenza
che danno voce a quell’intricata
cruda e recondita parte del tuo Essere
dominata, a tratti spietata…
con la tua rilucente, tagliente arma infoderata
in perpetuo ma pronta,
sempre pronta per essere sguainata
dalla tua mano decisa e plagiante, implacabile…
perle del sudore della tua Anima,
incollate sul tuo torace quasi incise sulla pelle, fisse, indivisibili
testimoni perenni del tuo Cuore che sanguina
di ossessionante Amore,
l’Agape bramosamente rincorso, il desiderio inappagabile…
e lugubri, e sinistre… le crudivore creature che ti attraversano il corpo
che ti scivolano addosso…
Tu sempre sopra, sopra di loro
sopra Tutto e Tutti
la tua strada segnata
il tuo Cielo conquistato,
il tuo Regno proibito…

barra_titolo_rose2