Capitoli di: Manca Sempre Qualcosa

MANCA SEMPRE QUALCOSA, Cap. 3

«Eccoci, siamo arrivati» segnalò Sharise, con un aggraziato sorriso dipinto sulle labbra, e spense il motore dell’autovettura. «È stato molto gentile, non lo dimenticherò.»

Ormai era sicura che le intenzioni dell’uomo non fossero ambigue come aveva ipotizzato, o al limite non della natura che temeva lei. Forse davvero lui aveva solo bisogno di quella cortesia, oppure magari fare semplicemente amicizia con qualcuno del posto, in cui non conosceva nessuno. E, tutto sommato, Sharise era anche un po’ felice che lui avesse preferito attuarlo con lei, giacché sembrava un tipo parecchio esigente.

«Può passare allo Steakhouse tra un paio di giorni, Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

MANCA SEMPRE QUALCOSA, Cap. 2

Sharise squadrò l’uomo per qualche secondo e si approssimò di nuovo a lui, scuotendo appena appena la testa per lo stupore.

«Lei sa come mi chiamo?» lo interpellò, senza troppe perifrasi e pure un po’ aspramente, pensando al contempo che la sensazione da cui era stata invasa sin dall’inizio, e cioè di conoscerlo, non fosse affatto da accantonare.

«È sulla sua divisa» le rammentò lui, in completa calma, stendendosi sul succinto schienale per dilettare i suoi muscoli ancora intorpiditi dalla lunga traversata compiuta.

«Ah…» traccheggiò, guardandosi l’indumento sul quale era ricamato il suo nome. «Mi scusi se sono stata così Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto

MANCA SEMPRE QUALCOSA, Cap. 1

«È lei?»

«Sì, Sebastian. Non male, vero?»

Sebastian incurvò un sopracciglio, un’espressione a metà strada tra il tracotante e l’agnostico, e confezionò in contemporanea, una specie di sberleffo. «Sì, non male, anche se non è il mio tipo di donna, francamente.»

«Oh, andiamo!» insorse l’amico, un tantino stizzito, e gli tolse la foto dalle mani all’istante, rimirandola, subito dopo, in un genuino luccichio emerso dagli occhi appagati. «Scusami tanto, Sebastian, ma guardala bene, è una bambola, direi pure da far girare la testa. Sei diventato cieco, per caso?»

«Dacci un taglio, Clark, sai molto bene che prediligo un’avvenenza più esplosiva. Leggi tutto

© Christine Kaminski | Vietata la riproduzione senza consenso scritto